Permessi premio all'assassino di Fabiana Luzzi, Ministro Bonafede: "Avviate verifiche"

Bonafede Alfonso1Il Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha reso noto di aver fatto avviare le opportune verifiche in merito ai permessi concessi a Davide Morrone, condannato per l'assassinio di Fabiana Luzzi, avvenuto il 24 maggio del 2013. A chi ha potuto sentirlo, Bonafede ha mostrato di essere rimasto umanamente colpito dalla vicenda.

Qualche giorno fa, Mario Luzzi, padre della giovane brutalmente uccisa, aveva scritto al Guardasigilli per protestare contro la decisione di concedere i permessi premio (Leggi qua la notizia). Oggi è arrivata la risposta tanto attesa.

"Per me qualsiasi segnalazione arrivi dal territorio merita di essere approfondita - spiega Bonafede -. C'e' la separazione dei poteri, ne sono perfettamente consapevole e sono rispettoso di un principio che e' importante per la nostra democrazia. Ma i cittadini soprattutto quanti hanno subito gravi ingiustizie, devono sapere che lo Stato gli e' vicino, e che e' anche attento nel tenere gli occhi sempre aperti su tutto quello che accade nella macchina della giustizia". Il guardasigilli aggiunge: "Cerco sempre di dimostrare totale vicinanza ai familiari delle vittime di reati violenti, e in questo caso non posso che rispondere dicendo che c'e' totale vicinanza e disponibilita' da parte mia, come ho gia' fatto in altre occasioni, all'incontro con questa famiglia". "Queste famiglie che subiscono perdite per reati cosi' violenti ed efferati - conclude - hanno diritto a sentire lo Stato al loro fianco".

Creato Lunedì, 07 Ottobre 2019 17:57